ANELLO FERROVIARIO DI PALERMO, AVANTI CON I LAVORI PER RESTITUIRE IL CENTRO AI CITTADINI

Procedono senza sosta i lavori dell’Anello ferroviario di Palermo, in particolare per la chiusura, in sotterraneo, del tratto di linea tra le stazioni di ‘Palermo Notarbartolo’ e Giachery con proseguimento fino al Politeama.
L’Anello è una delle opere più attese dagli abitanti di Palermo. Il Governo del capoluogo siciliano, che ha delegato la Rappresentanza legale dei lavori ad RFI e la Direzione dei Lavori ad Italferr, a settembre dello scorso anno ha stretto con la D’Agostino Costruzioni un “patto operativo” per far ripartire i lavori con la massima sollecitudine. E così è stato, nonostante gli impedimenti determinati dall’emergenza Covid, dai ritardi per lo spostamento dei sottoservizi e dalle conseguenze dell’alluvione del 15 luglio scorso .
Dunque avanti con determinazione, avendo bene in mente l’obiettivo di completare le opere di superficie il prima possibile, rispondendo positivamente alle attese dei palermitani, che auspicano il superamento dei disagi e di riappropriarsi di quella bellissima parte del centro città.

SALARIA, ENTRO L’ANNO IL COMPLETAMENTO DEL TRATTO MICIGLIANO – GOLE DEL VELINO

Entro la fine dell’anno la D’Agostino Costruzioni Generali completerà i lavori che interessano il tratto della statale 4 ‘Salaria’ che va dal bivio di Micigliano alla galleria Gole del Velino, in provincia di Rieti.

Le principali lavorazioni hanno riguardato la realizzazione di due gallerie naturali dotate dei più moderni impianti di sicurezza, la San Quirico, lunga 900 m, e la Sant‘Angelo, 140 . Sono stati realizzati, infine, interventi di messa in sicurezza dei versanti come i consolidamenti corticali e reti paramassi, rivestimento dei muri in pietra locale e terre rinforzate fondate su micropali.

IL SOLE 24 ORE: LA D’AGOSTINO COSTRUZIONI GENERALI TRA LE IMPRESE ITALIANE PIÙ DINAMICHE E MEGLIO PREPARATE A RIPARTIRE DOPO LA CRISI

La D’Agostino Costruzioni Generali è stata annoverata, insieme a realtà del calibro di Impregilo e Vittadello, tra le imprese italiane del settore edilizio più dinamiche e meglio preparate a ripartire dopo la crisi determinata dalla pandemia da Covid 19. E’ quanto riporta stamani ‘Edilizia e Territorio’, quotidiano specializzato nel settore dell’edilizia pubblica e privata de “Il Sole 24 Ore”.

“Oltre a sviluppare i lavori acquistati dall’amministrazione straordinaria di Tecnis fin dal 2019 mantenendo buoni risultati reddituali e patrimoniali, la D’Agostino Costruzioni Generali – si legge nell’articolo di Edilizia e Territorio – si è aggiudicata nell’aprile 2020 la gara per la realizzazione di una variante di tracciato sulla linea ferroviaria Bari – Lecce (80 milioni) in raggruppamento con le società di ingegneria Rpa e Technital.” Non solo notizie negative, dunque, per le imprese di costruzioni già colpite dalla crisi generale del settore, in particolar modo in Italia, e dalla pandemia globale che sta provocando ritardi nei cantieri” con danni conseguenti non poco significativi.

Soddisfazione è stata espressa dalla proprietà e dal management dell’azienda irpina. “Per il nostro Gruppo – ha affermato Angelo Antonio D’Agostino – si tratta di un altro riconoscimento significativo. La crisi determinata dalla pandemia si è sommata a quella generale, arrecando non pochi danni al settore dell’edilizia, pubblica e privata. Ciononostante continueremo a lavorare con l’entusiasmo di sempre, sforzandoci di mantenere gli attuali livelli occupazionali e, nel contempo, di assicurare qualità, standard elevati e – conclude D’Agostino – la stessa linearità che ci ha fin qui contraddistinto in ogni nostra realizzazione.”

TRASPORTI: ITALFERR AGGIUDICA GARA PER VARIANTE A SUD DI BARI ALLA D’AGOSTINO COSTRUZIONI

Italferr (Gruppo FS Italiane) ha aggiudicato alla società D’Agostino Angelo Antonio Costruzioni Generali la gara per la realizzazione della variante di tracciato Bari Centrale – Bari Torre a Mare sulla linea Bari – Lecce. Il valore economico del contratto è di oltre 80 milioni di euro. La nuova variante di tracciato (circa 10 chilometri) – riferisce una nota – rientra fra le opere infrastrutturali per il riassetto del nodo ferroviario di Bari, funzionali alla nuova linea Napoli – Bari, in corso di realizzazione da parte di Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS Italiane), per la connessione infrastrutturale dell’area campana e pugliese a sostegno dello sviluppo socio-economico del Mezzogiorno. Progettazione ed esecuzione dei lavori sono stati affidati alla società D’Agostino Angelo Antonio Costruzioni Generali, che ha incaricato il raggruppamento temporaneo di progettisti RPA – Technital. Alla gara a procedura aperta gestita da Italferr per conto di RFI – precisa la nota – hanno partecipato 11 imprese, in forma singola e associata. La procedura di aggiudicazione ha richiesto un attento lavoro di verifica dei requisiti tecnici, in considerazione della complessità delle attività oggetto dell’affidamento e analisi dei requisiti generali e antimafia.

(FONTE ANSA)

AUTORITÀ CONCORRENZA E MERCATO ATTRIBUISCE IL RATING DI LEGALITÀ ALLA D’AGOSTINO COSTRUZIONI GENERALI

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha deliberato l’attribuzione del Rating di legalità alla D’Agostino Angelo Antonio Costruzioni Generali Srl, assegnando alla società edile irpina tre stelle che equivalgono al punteggio massimo attribuibile. La decisione è stata assunta dall’Autorità nella sua adunanza del 10 marzo scorso, previo esame della documentazione presentata e in ragione delle verifiche effettuate dai suoi organi. In virtù del provvedimento adottato, la D’Agostino Angelo Antonio Costruzioni Generali sarà, pertanto, inserita nell’elenco delle imprese con Rating di legalità, così come previsto dalla Legge.

Soddisfazione è stata espressa dall’imprenditore Angelo Antonio D’Agostino, fondatore della omonima società valutata dall’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato e del Gruppo imprenditoriale che porta il suo nome.

“Il Rating attribuito dall’AGCM – afferma D’Agostino – è indice del rispetto di standard di legalità decisamente elevati. Averlo ottenuto è per noi motivo di grande soddisfazione e ci ripaga della attenzione massima che non solo la D’Agostino Costruzioni Generali, ma nel complesso tutte le aziende del Gruppo, hanno sempre avuto per assicurare il pieno rispetto delle leggi che ne disciplinano l’attività. Il rating – osserva – ha tuttavia valore di due anni ed è rinnovabile. Va senza dire – conclude l’imprenditore – che le nostre aziende continueranno ad essere impegnate per conservare il massimo del punteggio e per assicurarsi la presenza nell’elenco a tempo indeterminato.”

D’Agostino Costruzioni premiata per la Casa della Cultura di Aquilonia

Si è conclusa la seconda edizione dei Premi Regionali Campania Inarchitettura 2015 banditi dall’InArch Campania e dall’ACEN – Associazione dei Costruttori Edili di Napoli, con il patrocinio degli Ordini degli Architetti e degli Ingegneri di Napoli, della Città Metropolitana di Napoli, delle quattro Province campane e della Regione Campania. Con l’obiettivo di valorizzare opere di architettura realizzate negli ultimi cinque anni, i premi sono stati suddivisi in sei categorie, l’intervento di nuova costruzione, l’intervento di riqualificazione edilizia, l’opera di un giovane progettista sotto i quaranta anni, l’intervento su uno spazio aperto, l’intervento di architettura degli interni e un premio speciale per la sostenibilità architettonica. Come è consuetudine dell’InArch, i premi sono stati assegnati ai progettisti, ai committenti e alle imprese.

Il primo premio per l’intervento di riqualificazione edilizia è stato assegnato all’impresa D’Agostino Costruzioni per Casa della Cultura di Aquilonia con le seguenti motivazioni:

“L’essenzialità del segno progettuale si traduce in un intervento magistrale di riqualificazione architettonica. Il grande involucro ligneo dei due volumi conserva gelosamente, quasi come uno scrigno, l’articolazione dello spazio interno e, allo stesso tempo, rende esplicito con particolare efficacia il carattere di un’architettura contemporanea che continua a dialogare con la storia del luogo”