Luogo

Comune di Potenza e Melfi

Stato

DA INIZIARE

Committente

Anas S.p.A.

La S.S. 658 “Potenza-Melfi” costituisce il corridoio di collegamento delle aree del Vulture-Melfese con il capoluogo di Regione e la SS 407 “Basentana” verso sud e l’autostrada A16 Napoli-Bari verso nord.

Negli ultimi anni le aree nord orientali della regione hanno conosciuto un notevole sviluppo socioeconomico a seguito dell’apertura degli stabilimenti FIAT di San Nicola di Melfi con il relativo indotto ed il fiorire di numerose attività turistico-alberghiere legate alle aree naturali del Vulture, di particolare pregio paesaggistico. Conseguentemente, si è assistito ad un notevole incremento del traffico sia leggero che pesante sul tratto di strada in parola diretto sia in direzione nord verso lo svincolo di Candela sull’autostrada Napoli-Bari, sia verso sud in direzione di Potenza e delle aree servite dalla S.S. 407 “Basentana”. Al traffico di lunga e media percorrenza si aggiunge, poi, il traffico pendolare diretto verso il capoluogo di Regione.

Attualmente, la strada presenta una larghezza media di circa 9,50 m corrispondente al tipo V delle norme CNR/80, con una piattaforma costituita da una corsia per senso di marcia della larghezza di 3,50 m ed una banchina pavimentata di 1,25 m. In considerazione dell’epoca di costruzione della strada (fine anni 80), l’andamento planoaltimetrico dell’arteria risulta alquanto articolato con pendenze in alcuni tratti elevate, curve di raggio modesto e scarsa visibilità che non agevolano le manovre di sorpasso. Tale situazione, aggiunta alla notevole percentuale di mezzi pesanti, comporta frequenti rallentamenti della circolazione e contribuisce ad abbassare il livello di servizio dell’arteria. La difficoltà di sorpasso ed i tempi di percorrenza elevati spingono gli utenti stradali a manovre di sorpasso vietate che sono causa di numerosi incidenti, a volte mortali, che hanno reso l’arteria in questione una delle strade più pericolose della regione.

Il progetto cui attende la D’Agostino Costruzioni Generali prevede la realizzazione di corsie aggiuntive riservate ai veicoli lenti e/o pesanti in tre tratti distinti dell’arteria, nonché l’allargamento della banchina laterale tra il Km 20+200 ed il Km 21+783. Più precisamente:

1. Tratto 1 – dal Km 20+200 al Km 21+783 in agro di Avigliano, estesa 1,5 Km circa – allargamento banchina;

2. Tratto 2 – dal Km 22+100 al Km 23+382 in agro di Avigliano, estesa 1,2 Km circa, corsia aggiuntiva direzione Melfi;

3. Tratto 3 – dal Km 31+640 al Km 33+329 in agro di Atella, estesa 1,7 Km circa, corsia aggiuntiva direzione Melfi;

4. Tratto 4 – dal Km 35+353 al Km 36+747 in agro di Rionero, estesa 1,4 Km circa, corsia aggiuntiva direzione Melfi.

Ogni corsia aggiuntiva è preceduta da un tronco di manovra di estensione tale da consentire ai veicoli l’uscita dalla corsia di marcia normale (lunghezza 40,00 m) ed un tronco di raccordo della lunghezza di 80,00 m per il rientro degli stessi veicoli sulla corsia ordinaria.

La validità dell’intervento nel suo complesso e delle scelte sull’ubicazione dei tratti da adeguare trova sostegno nei risultati di uno specifico studio trasportistico, redatto dalla Direzione Generale ANAS da cui si evince che la realizzazione delle corsie riservate consente di migliorare nell’immediato il livello di servizio sia delle singole tratte oggetto di intervento sia dell’intero itinerario Potenza-Melfi.

LE NEWS DAL CANTIERE

Caro materiali, nasce il tavolo tecnico sulle materie prime critiche

/
30/09/2022 - Evitare ritardi nei lavori e impennate dei prezzi…